Archivio Eugenio Barba

Archivio Eugenio Barba

>> Sei nella Sezione Arte Contemporanea

La Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura e la Regione Puglia hanno firmato una convenzione per l’attuazione del progetto di valorizzazione dell’Archivio Eugenio Barba, raccolta di acclarato valore artistico e documentario, entrata a far parte del patrimonio pubblico italiano.

 

Nel luglio 2022 la Regione Puglia ha ricevuto in donazione l’archivio personale di Eugenio Barba, storico rappresentante del teatro d’avanguardia contemporaneo, originario del Salento ma attivo a livello internazionale, in particolare in virtù dell’esperienza dell’Odin Teatret.

 

Il materiale ceduto da Eugenio Barba comprende i fondi bibliografici e documentari e gli oggetti di scena relativi alla sua vicenda artistica e a quella dell’Odin Teatret.

 

Complessivamente, un cospicuo ed eterogeneo insieme di materiali a testimonianza di una complessa esperienza artistica che ha contribuito a cambiare la concezione e l’organizzazione del teatro contemporaneo, le pratiche e le tecniche attoriali e la relazione con le altre arti, con particolare riferimento ai differenti linguaggi creativi del contemporaneo e alla dimensione storico-artistica.

 

Il progetto complessivo di valorizzazione della donazione prevede il trasporto e la sistemazione presso il Polo biblio-museale di Lecce di tutto il materiale e il suo allestimento permanente presso gli spazi individuati all’interno dell’ex Convitto Palmieri – nello stesso luogo in cui è conservato l’archivio Carmelo Bene – con l’obiettivo di creare un luogo che narri la storia dell’Odin Teatret e del suo fondatore come una delle grandi rivoluzioni che hanno investito il teatro, la cultura e l’arte del ‘900.

 

Contestualmente saranno avviate ulteriori attività di valorizzazione finalizzate alla catalogazione dell’archivio e alla promozione del progetto sul territorio, con il coinvolgimento di istituzioni accademiche e realtà associative che operano nel campo dell’arte contemporanea e del teatro.

 

Foto: © 2022 Daniele Muzzi