Grand Tour d’Italie – Edizione 1

>> Sei nella Sezione Arte contemporanea
>> Progetto Grand Tour d’Italie

Grande successo del progetto Grand Tour d’Italie, realizzato per la prima volta dalla DGAAP (precedente acronimo dell’attuale Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura) in collaborazione con ViaFarini. Nato per promuovere il lavoro degli artisti italiani all’estero attraverso il confronto con i curatori delle più prestigiose istituzioni internazionali che si occupano di scambi culturali e residenza d’artista, il programma si è articolato in una serie di studio visit, letture di portfolio e video screening (questi ultimi aperti al pubblico) a Milano (presso ViaFarini DOCVA) e a Roma (in collaborazione con la residenza per artisti Qwatz).

 

Grand Tour d’Italie si è rivelata un’occasione straordinaria per gli artisti di mostrare il proprio lavoro e per i curatori stranieri di accrescere la conoscenza della scena artistica del nostro Paese, entrando in contatto diretto con i protagonisti e con i contesti.

 

La selezione degli artisti, frutto di una ricognizione sulle più attuali ricerche legate alla lettura del territorio e dei cambiamenti in atto dal punto di vista antropologico, sociale, politico ed economico, ha individuato 20 artisti italiani mid-career: Nico Angiuli (Bari, 1981), Francesco Arena (Torre Santa Susanna BR, 1978), Riccardo Arena (Milano, 1979), Ludovica Carbotta (Torino, 1982), Beatrice Catanzaro (Milano, 1975), Leone Contini (Firenze, 1976), Luigi Coppola (Lecce, 1972), Cherimus (Perdaxius CI, 2007), Nicolò Degiorgis (Bolzano, 1985), Gianluca e Massimiliano De Serio (Torino, 1978), Chiara Fumai (Milano, 1978), Stefania Galegati Shines (Palermo, 1973), Riccardo Giacconi (San Severino Marche, MC 1985), Invernomuto (Milano, 2003), Claudia Losi (Piacenza, 1971), Marzia Migliora (Torino, 1972), Moira Ricci (Orbetello GR, 1977), Diego Tonus (Pordenone, 1984), Valentina Vetturi (Reggio Calabria, 1979), Zimmerfrei (Bologna, 2000).

 

I curatori e le istituzioni straniere invitate sono: Els van Odijk direttrice di Rijksakademie van beeldende kunsten (Amsterdam), Emilie Villez direttrice di Kadist Foundation (Parigi), Boshko Boskovic direttore dei programmi di Residency Unlimited (NYC), Dennis Elliot fondatore di ISCP International Studio & Curatorial Program (NYC), Jean-Baptiste Joly direttore di Akademie Schloss Solitude (Stoccarda), Michal Novotny direttore di Futura Projects (Praga) Gillean Dickie, senior curator presso Delfina Foundation (Londra) e Hedwig Fijen direttrice di Manifesta, The European Biennial of Contemporary Art.

 

La selezione degli artisti, studio visit e portfolio review sono stati curati da Carolina Italiano (DGAAP) e Simone Frangi (ViaFarini), a partire dal centro di documentazione di Viafarini, a cura di Giulio Verago. In particolare, come strumento di ricerca è stato utilizzato Italian Area che documenta online gli artisti selezionati grazie all’attività di ViaFarini.

 

Nel pieno rispetto dei propri obiettivi e con lo scopo di contribuire alla crescita culturale del nostro Paese, per la prima volta la Direzione Generale dà vita a un progetto di questo tipo, finalizzato alla concreta promozione e valorizzazione degli artisti italiani, e per questo si avvale della collaborazione di ViaFarini, organizzazione che da sempre si occupa di favorire la crescita professionale dei giovani artisti, facendoli conoscere al sistema dell’arte contemporanea, creando occasioni di contatto e interessamento da parte di curatori, critici e musei e promuovendone la mobilità. E proprio questi sono gli obiettivi ultimi di Grand Tour d’Italie: sostenere le ricerche socially engaged svolte da un gruppo di artisti provenienti da diverse regioni d’Italia e operativi sul territorio nazionale e all’estero, creando un’importante occasione di conoscenza e promozione internazionale del loro lavoro.

 

Grand Tour d’Italie – Edizione 1 – Com. stampa 17.10.2016