La Legge 512/82 – Regime fiscale di beni di rilevante interesse culturale

Per incrementare il proprio patrimonio, lo Stato ha introdotto una legge che offre al cittadino la possibilità di sostituire il pagamento delle tasse con la cessione di opere d’arte (Legge 512/82, Art. 6 “Pagamento dell’imposta di successione mediante cessione di beni ereditari“ e Art. 7 “Pagamento delle imposte dirette mediante cessione di beni culturali“).

 

Tra le opere che possono essere cedute rientrano quelle d’arte contemporanea (che non abbiano cioè più di 70 anni e quindi non tutelate in base al Codice dei Beni Culturali) purché naturalmente ricoprano un indiscutibile valore artistico.

 

La proposta va indirizzata alla Soprintendenza competente per territorio che, dopo una serie di verifiche, inoltra la richiesta alla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. La Direzione Generale, una volta vagliata la domanda, la sottopone ad un’apposita Commissione interministeriale. I contribuenti possono presentare una proposta di cessione del bene, completa dei dati anagrafici e firmata, inviandola con raccomandata A/R, o per posta elettronica certificata oppure a mano, agli istituti periferici del Ministero della Cultura competenti per materia e per territorio di residenza (qualora si tratti di beni librari alla Direzione Generale Biblioteche e Diritto d’autore) e al competente ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate, allegando la seguente documentazione:

  1. dichiarazione di proprietà del bene;
  2. caratteristiche tecniche e collocazione dell’opera;
  3. valutazione del richiedente sul valore economico delle opere proposte per la cessione;
  4. adeguata documentazione fotografica dell’opera anche in formato digitale;
  5. dichiarazione relativa ai debiti tributari oggetto di pagamento mediante la cessione del bene;
  6. eventuale richiesta dell’interessato di essere ascoltato dalla Commissione.

 

Tutta la procedura è specificata nella Circolare n. 23 del 17 luglio 2015 del Segretariato Generale del Ministero.

 

Modello A – Pagamento dell’imposta di successione ai sensi dell’Art. 6 della Legge 512/82
Modello B – Pagamento delle imposte dirette ai sensi dell’Art. 7 della Legge 512/82