Padiglione Italia 2010 – Biennale Architettura

>> Sei nella Sezione Padiglione Italia

Edizione: 12. Mostra Internazionale di Architettura – People meet in architecture diretta da Kazuyo Sejima (29 agosto – 21 novembre 2010)
Titolo: AILATI. Rilfessi dal futuro
Curatore: Luca Molinari
Commissario: Mario Lolli Ghetti
Catalogo: Ailati: riflessi dal futuro, 12. Mostra Internazionale di Architettura La Biennale di Venezia, Padiglione Italia, a cura di Luca Molinari, Skira, Milano 2010

 

Il progetto del curatore Luca Molinari “Ailati. Riflessi dal futuro” – realizzato per il Padiglione Italia alla 12. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia (29 agosto – 21 novembre 2010) – ha guardato all’architettura italiana contemporanea come ad una occasione e insieme come ad un laboratorio attivo sul nostro Paese sottoposto a una profonda metamorfosi che chiama nuove soluzioni e visioni per le nuove aree metropolitane, il paesaggio e il patrimonio storico artistico diffuso.

 

La mostra si è rivolta contemporaneamente al recente passato, al presente che preme e al prossimo futuro come ad un unico tempo da leggere e capire per costruire strumenti che ci consentano di guardare in avanti e di produrre nuova qualità. Si sono mostrati al resto del mondo i progetti, le ricerche e le sperimentazioni di qualità italiane, proponendo una visione dell’architettura come arte civile, attenta alla realtà e alla gente, capace di produrre visioni e soluzioni per una società inquieta e in profonda trasformazione, ma che dall’architettura dovrebbe essere provocata a vivere con più attenzione e coraggio gli spazi della contemporaneità.

 

Il buon successo del Padiglione Italia ha garantito quella visibilità e il riconoscimento che negli ultimi anni è venuto talvolta a mancare, riportando al centro dell’attenzione le linee di attività di eccellenza rappresentate dall’architettura italiana. Oltre a rendere visibili i risultati più avanzati, la mostra è diventata uno strumento per stabilire nuove relazioni e network tra soggetti pubblici, privati italiani e stranieri che, attraverso il sistema delle conferenze ed eventi pubblici che sono stati prodotti lungo i tre mesi, hanno animato il Padiglione Italia.