Premio Berlino – Edizione 1

Foto della Torre della Televisione di Berlino

>> Sei nella Sezione Premi di residenza

IL BANDO

 

Il bando della prima edizione del Premio Berlino offre la possibilità a due architetti emergenti di trascorrere un periodo di sei mesi a Berlino per approfondire professionalmente tematiche inerenti al riuso e alla rigenerazione urbana e partecipare ad attività culturali su tali temi. Il premio è promosso dalla DGAAP (precedente acronimo dell’attuale Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura), d’intesa con la Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e dall’Istituto Italiano di Cultura di Berlino.

 

Oltre al biglietto aereo, i due vincitori ricevono un assegno mensile per vitto e alloggio e il rimborso spese prestazioni presso uno studio di architettura specializzato nei temi della rigenerazione urbana e sulle pratiche di recupero delle periferie urbane. Gli architetti vincitori partecipano inoltre alle attività culturali organizzate da ANCB – The AEDES Metropolitan Laboratory e dall’Istituto Italiano di Cultura di Berlino attraverso la presentazione dei propri lavori – al termine della residenza – presso gli spazi dell’IIC. Viene inoltre affiancato ai vincitori un tutor con esperienza internazionale, residente a Berlino, nonché esperto della scena professionale locale.

 

Gli aspiranti al Premio Berlino devono:

a) essere cittadini italiani e residenti in Italia;
b) essere nati dopo il 31 dicembre 1986;
c) essere architetti operanti nel settore specifico del riuso e della rigenerazione;
d) avere al loro attivo almeno un progetto realizzato di riuso o rigenerazione;
e) avere un’ottima conoscenza della lingua inglese (la conoscenza del tedesco costituisce titolo preferenziale).

 

Scadenza delle domande: 25 giugno 2017 ore 24:00

 

Premio Berlino – Bando Edizione 1

 

I VINCITORI

 

I vincitori della prima edizione del Premio Berlino sono Leonardo Di Chiara (Pesaro, 1990) Giorgia Floro (Bari, 1991), che hanno l’opportunità di trascorrere sei mesi a Berlino e lavorare presso uno studio di architettura specializzato nei temi della rigenerazione e del recupero delle periferie urbane. Partecipano, inoltre, alle attività culturali organizzate da ANCB – The Aedes Metropolitan Laboratory e dall’Istituto Italiano di Cultura di Berlino attraverso la presentazione dei propri lavori presso gli spazi dell’IIC.

 

Commissione selezionatrice: Alessandra Cerroti e Maria  Claudia Clemente per la DGAAP, Pippo Ciorra su nomina del MAECI, il Direttore dell’IIC di Berlino Luigi Reitani e il Direttore di ANCB – The Aedes Metropolitan Laboratory Hans-Jurgen Commerell.

 

Brochure: Premio Berlino 2017, Istituto italiano di cultura di Berlino, Berlino 2019 – Disponibile anche in PDF